citazione

"Il futuro appartiene a coloro che credono nella bellezza dei propri sogni." (Eleanor Roosevelt)

lunedì 6 giugno 2016

TORTA DELLE NONNE (G.Fusto)

Giorni densi di cose da fare, di scadenze imminenti, di attività impegnative, di passatempi leggeri, di grandi e piccole scelte da prendere, di fermento...
Giorni di spostamenti, di incontri, di scontri, di confronti, di persone, di sorrisi e di discussioni, di opportunità da cogliere o da lasciare andare,...
Giorni densi in cui non ho più tempo per tutto ciò che vorrei.
Giorni in cui mi sto riappropriando di me stessa.
Finalmente. Credo di essere finalmente al centro del mio mondo.



"E non hai visto ancora niente
E non hai visto ancora niente
E non hai visto ancora niente
E non hai visto ancora niente
Eppure eppure eppure
Milioni di serrature
non riescono a tenermi chiuso
il cuore"
(E non hai visto ancora niente, Jovanotti, da Lorenzo 2015cc) 

E al centro del mio mondo ci sono anche i dolci. In particolare le crostate! Oggi propongo una crostata classica, la cosiddetta "torta della nonna". In una versione d'autore che ho trovato assolutamente strepitosa. La ricetta è del maestro Gianluca Fusto. La sua frolla è deliziosa, burrosa e friabile al punto giusto. La crema pasticciera è splendida: ha una consistenza vellutata e profuma di limoni, rinfrescando l'insieme. L'abbondanza di pinoli aggiunge un tocco di sapore amaro e croccantezza sotto i denti.
Davvero davvero buona. Io l'ho già fatta più volte.

TORTA DELLE NONNE (G.FUSTO)

dosi per un dolce diametro 22 cm (ricetta originale di Fusto, per fare 6 dolci da 17/18cm, diviso 4)

Composizione del dolce
Dal basso, la crostata è composta da
- pasta frolla alle mandorle, circa 500 g
- crema pasticcera al limone, circa 500 g
- pinoli, circa 150 g

Organizzazione dei tempi e ordine di esecuzione
- la pasta frolla cruda può stare in frigo pochi giorni o congelata per settimane
- la base cotta di frolla può essere conservata ben chiusa per 1-2 giorni o congelata
- la crema pasticciera va fatto qualche ora prima della cottura finale

Pasta frolla alle mandorle

Ingredienti
      100 g burro morbido
      87.5 g zucchero a velo
      50 g uova
      sale
      30 g farina di mandorle
      60 g farina
      170 g farina
Procedimento
- Con un cucchiaio o in planetaria con la foglia, amalgamare burro, zucchero, uova, sale fino ad ottenere una crema omogenea non montata
- Aggiungere la farina di mandorle e la prima parte di farina (60 g) e legare la massa
- Aggiungere il resto della farina lavorando brevemente
- Far riposare 3-4 ore (e fino a 2-3 giorni) in frigo avvolto in pellicola
- Proseguire con la stesura e la cottura (si veda sotto alla voce "cottura e montaggio")

Crema pasticcera al limone

Ingredienti
     330 g latte
     57.5 g tuorli
     66.25 g zucchero
     46.25 g farina
      3 g zeste di limone grattugiate
      7.5 g burr
      (1.5 g vaniglia, io l'ho omessa)
Procedimento
- Portare quasi ad ebollizione il latte
- Mescolare con una frusta tuorli e zucchero per qualche minuto
- Aggiungere la farina e amalgamare
- Inserire a filo il latte bollente, mescolando per non creare grumi
- Riportare sul fuoco dolce, cuocere e mescolare finchè avrà una consistenza cremosa
- Unire il burro freddo e le zeste di limone
- Versare in un contenitore freddo, coprire con pellicola, e far raffreddare in frigo (meglio se in abbattitore)

Cottura e montaggio

Ingredienti
      500 g pasta frolla
      450/500 g crema pasticcera
      150 g pinoli
Procedimento
- Lavorare brevemente la frolla fredda per renderla malleabile, senza scaldarla
- Stenderla sul piano leggermente infarinato allo spessore di circa 3-4 mm
- Foderare lo stampo (bordi alti un paio di centimetri) e bucherellare il fondo con una forchetta
- Far riposare 15'-20' in frigo, nel frattempo accendere il forno a 170°C
- Cuocere per circa 20'-25', fino a leggera doratura
- Far raffreddare fuori dal forno
- Mescolare con una frusta la crema pasticcera, che raffreddandosi si sarà addensata
- Riempire il guscio di frolla con la crema
- Cospargere con i pinoli
- Rimettere in forno a 160°C per circa 25' minuti
- Far raffreddare, sformare, servire cosparsa di zucchero a velo



A presto (forse)...e intanto vi lascio un saluto che profuma di burro e di limone
...Eleonora

18 commenti:

  1. Ciao Ele, con stai? Complimenti per questa fantastica torta, bellissima e irresistibilmente golosa! Bravissima!!!
    Un caro abbraccio e felice giornata!
    Laura💚💛💖

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Laura...io stanca ma in fermento...
      questa crostata è semplice ma davvero deliziosa. Frolla e crema assieme sono sempre una fantastica combinazione. ciao cara!!!!!

      Elimina
  2. Come sempre le tue ricette hanno la magia della passione dentro! Perfette nella presentazione e sicuramente anche nei sapori...per le cose che ci fanno stare bene, il tempo si trova sempre ^_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in effetti, ultimamente faccio fatica ad aggiornare il blog, ma il tempo per realizzare qualche dolce da consumare qui a casa riesco sempre a ricavarlo!!!! :-)
      grazie Consu della visita. :-)

      Elimina
  3. Che bontà! Io l'adoro! Credo di non averla mai pubblicata ... o si? Boh, mi fai venire il dubbio. Ho un sacco di ricette in bozza ma hanno delle foto talmente orrende che, o le rifaccio o non lo so se le pubblico. TEsoro, sono passata perchè mi domandavo cosa stessi combinando. Spero tanto che si concretizzi quello di cui abbiamo parlato. Te lo auguro con tutto il cuore. Intanto ti abbraccio stretta stretta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciaooooo! la torta della nonna è sempre un dolce gradito, vero?
      pure io ho un sacco di cartelle di ricette fatte, e buone, ma le cui foto sono troppo brutte per metterle qui. :-)
      cosa sto combinando? sono un po' in fermento...ti aggiornerò. un abbraccio grande a te

      Elimina
  4. Adoro la crema e adoro i pinoli...quindi capirai che sto sbavando davanti a questa torta...buonissima!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'equilibrio dei sapori della torta della nonna è davvero semplice, e irresitibile. Grazie Chiara, ciaooo!

      Elimina
  5. Voglio dirti che sono strafelice di sentirti così!! torno qui dopo un po' di tempo e ti trovo cambiata e più serena, una Eleonora che ha ripreso in mano la sua vita e fa si che lei diventi il centro di tutto! e sai...le parole che mi hai lasciato mi hanno fatto un immenso piacere, le cose belle arrivano, arrivano quando non si smette di crederci! io questa torta la adoro davvero! forse è una delle mie preferite, anche se non ho mai provato a farla! dovessi mai tentare proverò di sicuro la tua ricetta!! un abbraccio grande :***

    RispondiElimina
    Risposte
    1. posso solo risponderti con un sorriso...
      perchè sono felice di sentire che anche tu sei una Silvia rinnovata.
      questa crostata è molto buona! e credimi, io ispirata dalla tua ora ho voglia di farne una altrettanto fresca e allegra.
      un bacio!!!

      Elimina
  6. Un dolce che piace sempre!!!! Bravisima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mila! La maggior parte delle volte, i dolci semplici sono i più buoni.

      Elimina
  7. Ci crederesti che fino a poco tempo fa non conoscevo questa torta??? Giuro!
    Ma da quando l'ho vista mi è venuta voglia di provarla perché ha tutte le caratteristiche per piacermi!
    Al momento mi sto dedicando per scelta a dolci privi di zucchero e di farine raffinate, ma verrà il momento anche di questa crostata.
    Un bacione cara Ele!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero non la conoscevi? Dai, appena avrai voglia provala, è molto buona e semplice.
      Brava tu che stai provando pasticceria salutistica...magari farai una torta della nonna alternativa!
      Un abbraccio Laura

      Elimina
  8. E' uno dei miei dolci preferiti in assoluto. Se poi tu dici che questa versione è da provare proverò sicuramente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ci sono mille ricette di frolla, e mille di crema pasticcera...ognuna buona. Questa è buonissima, giusta consistenza e profumo di limone. Da provare :-)
      ciaooooo!

      Elimina
  9. Si USA la fecola nella crema se va in forno .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giuliano, benvenuto qui. So che Montersino dice di usare la fecola "al posto dell'amido di mais" per la crema da forno, per avere una consistenza buona al taglio. E che la crema deve essere più zuccherina e grassa.
      Qui infatti non uso amido... e questa ricetta di Fusto è ottima così. Con la farina e quella aggiunta di burro è davvero buona e vellutata.
      Tanto che... ho usato questa stessa crema per una crostata di frutta fresca, piaciuta tantissimo proprio per la crema!!!
      Ciao e buon weekend

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Printfriendly