citazione

"Il futuro appartiene a coloro che credono nella bellezza dei propri sogni." (Eleanor Roosevelt)

mercoledì 18 maggio 2016

CROSTATA AL CIOCCOLATO...E FROLLA A RIGHE! (I. Massari)

Viaggiare... sto scoprendo che mi piace.
Negli anni passati, i miei giorni di ferie venivano impegnati in "vacanze" ma raramente in "viaggi".Ora invece...chiacchiere contagianti fatte con un amico viaggiatore, la mia attuale vita in fermento, un recentissimo fantastico weekend con le mie sorelle, mi hanno messo una voglia incredibile di viaggiare.

Ho desiderio di guardare posti nuovi, di camminare fino a sentire i piedi stanchi, di scoprire bellezze famose e angoli nacosti, ho voglia di arte e di natura. Ho voglia di cibo diverso, di odori particolari, di colori.
E soprattutto, ho voglia di persone. Ho voglia di incontri. Parlare. Parlare e ancora parlare.
In metropolitana, lungo una via della città, in un giardino pubblico, davanti ad un quadro in un museo, in un ristorante da turisti, al bancone di una pasticceria, ammirando il panorama da una collina,...
Tutto ciò l'ho vissuto a Parigi.
E me ne sono innamorata.

Dopo le giornate parigine, cielo grigio, vento e temperature autunnali, ombrello e impermeabile sempre pronti...una fetta di una ricca crostata al cioccolato è assolutamente perfetta!
Questa è firmata Iginio Massari ed è di una bontà sublime! La frolla friabile e burrosa, allegramente disposta in righe bianche e nere, racchiude un ripieno umido e dall'intenso sapore di cioccolato. Il tocco dolce ed aspro della mia marmellata di arance si abbina bene al ripieno...ma un altro abbinamento azzeccato che posso suggerirvi è quello con la conefttura di lamponi!

CROSTATA AL CIOCCOLATO (I. Massari)

dosi per un dolce diametro 22 cm e altezza circa 4 cm
da una ricetta di I. Massari, dal libro "Non solo zucchero, Vol. 1"

Pasta sablé al cacao ricca di burro

1/6 delle dosi di Massari, circa 480 g
Ingredienti
      167 g burro morbido
      83 g zucchero a velo
      25 g cacao amaro
      13 g albumi a temperatura ambiente
      192 g farina 00
      1 g sale
Procedimento
- Lavorare burro, zucchero e cacao setacciato fino ad avere una consistenza cremosa ma non montata (io in planetaria usando la foglia)
- Aggiungere albumi e sale e lavorare finchè il composto si presenta omogeneo (cioè senza separazione di grassi e parte acquosa)
- Aggiungere la farina setacciata e lavorare brevemente, solo per amalgamare
- Compattare il panetto e far riposare in frigo ben avvolto nella pellicola (12-24 ore)
Note
Si può preparare il giorno prima e conservare in frigo avvolta in pellicola

Pasta sablé alla vaniglia

1/3 delle dosi di Massari, circa 640 g
Ingredienti
      200 g burro morbido
      300 g farina 00
      1 bacello di vaniglia (i semi interni)
      100 g zucchero a velo
      40 g albumi a temperatura ambiente
      1 g sale
Procedimento
- Lavorare burro, farina e semi di vaniglia fino ad avere una consistenza omogenea ma non montata (io in planetaria usando la foglia)
- Aggiungere albumi, zucchero, sale e lavorare il minimo fino al loro totale assorbimento
- Compattare il panetto e far riposare in frigo ben avvolto nella pellicola (12-24 ore)
Note
Si può preparare il giorno prima e conservare in frigo avvolta in pellicola

Massa al cioccolato fondente

Ingredienti
      125 g uova a temperatura ambiente
      90 g zucchero
      35 g farina 00
      70 g burro
      90 g cioccolato fondente al 70%
Procedimento
- Sciogliere il burro
- Spezzettare il cioccolato e scioglierlo
- Amalgamarli e farli intiepidire
- Montare con la frusta uova e zucchero, a media velocità, per 10/15' fino ad avere una schiuma chiara e soda
- Inserire la farina setacciata, incorporandola delicatamente con una spatola e movimenti rotatori dal basso all'alto
- Allo stesso modo, aggiungere poco per volta il composto di burro e cioccolato
Note
Io l'ho fatto e usato subito per farcire la crostata; Massari scrive che è possibile conservarlo tre giorni in frigo a 4°C.

Montaggio

riporto le dosi indicative per il dolce diametro 22
Ingredienti *
      500 g pasta sablé alla vaniglia (per fondo + bordo)
      300 g pasta sablé al cacao (per bordo)
      150/200  g marmellata arance (o altra a piacere; deliziosa con quella di lamponi)
      350  gmassa al cioccolato
Procedimento
- Stendere la sablè al cacao sul piano leggermente infarinato, ad uno spessore di 5-6 mm
- Ritagliare un disco del diametro dello stampo e adagiarlo sul fondo dello stampo (foto 1)
- Preparare il bordo a righe (durante questa lavorazione, rimettere a riposare in frigo se la pasta diventa troppo morbida):
      Stendere separatamente le due sablè ad uno spessore di circa 1 cm (formando circa dei rettangoli) (foto 2)
      Spennellarne una con poca acqua e posare sopra l'altra (foto 3)
      Tagliare a metà nel senso della lunghezza e sovrapporre di nuovo (ora avremo 4 strati) (foto 3: qui avevo tagliato in tre e sovrapposto...)
      Stendere questo panetto allo spessore di 2 cm
      Tagliare di nuovo a metà nel senso della lunghezza e sovrapporre (ora avremo 8 strati)
      Tagliare questo panetto a righe nel senso della lunghezza ricavando strisce larghe 1-2 cm (quella sarà la larghezza del nostro bordo) (foto 4 e 5)
- Posare le strisce a righe lungo il bordo dello stampo, cercando di farle combaciare bene nei punti di giunzione(foto 6)
- Bucherellare il fondo con il rebbi di una forchetta
- Coprire con uno strato di confettura spesso qualche millimetro (foto 7)
- Versare sopra la massa al cioccolato tenendosi mezzo centimetro sotto il bordo (foto 8)
- Cuocere in forno caldo a 170°C per circa 30-35 minuti
- Togliere dallo stampo solo quando si è raffreddata
- Servire spolverizzata di zucchero a velo
Note
* queste sono circa le dosi necessarie; consiglio di usare tutta la dose preparata di frolla (che è maggiore di queste riportate sopra) in modo da lavorarla più facilmente; ciò che avanza potrà essere usato per deliziosi biscotti bicolori
Il ripieno aumenterà di volume durante la cottura

Sequenza fotografica

Vi avanza ancora qualche pezzo di cioccolato dalle uova di Pasqua? Questa crostata potrebbe essere l'ideale per finirlo. Con questa ricetta partecipo al contest Chocolat di Alchimia e di Petitpatisserie in collaborazione con Babbi 



Au revoir, Paris...
Eleonora

15 commenti:

  1. Ma che bella! Davvero degna del maestro Massari.
    Complimenti e grazie di aver partecipato!
    Anch'io sono felice di averti trovata: abbiamo molto in comune...i dolci, le stoffe, Parigi, il cioccolato e chissà quante altre cose. Ami leggere?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cara Laura, il tuo blog è davvero bellissimo...e quindi sono proprio contenta di averti scoperta!
      anche Parigi, è una recentissima scoperta... :-)
      avevo aperto il blog con l'intenzione di, ogni tanto, pubblicare anche qualche piccolo lavoretto di cucito, ma il tempo non è sufficiente per tutto ciò che la mia testa propone! Quindi qui solo(quasi) dolci. e mi piace un sacco leggere!!!
      Sono felice ti sia piaciuta la mia proposta. Nella sua semplicità di crostata, l'ho trovata davvero buona, tanto che l'ho rifatta più volte con piccole varianti. E poi, era troppo simpatica con le sue righe!
      a presto!!! ciao

      Elimina
  2. Sai che non ho capito come montare questa torta? Sono sincera, sai che io leggo tutto prima di commentare. Non mi è chiaro da qui:

    Procedimento
    - Stendere la sablè al cacao sul piano leggermente infarinato, ad uno spessore di 5-6 mm
    - Ritagliare un disco del diametro dello stampo e adagiarlo sul fondo dello stampo
    - Preparare il bordo a righe (durante questa lavorazione, rimettere a riposare in frigo se la pasta diventa troppo morbida):

    in poi. Magari con qualche foto era più chiaro o sono io che sono impedita ... può essere di sicuro la seconda ipotesi.
    Comunque sembra stupenda e mi piacerebbe tanto assaggiarla :)
    Viaggiare è bellissimo! Nella mia vita precedente, ho viaggiato moltissimo, ho visto posti straordinari. Proprio in questi giorni sto preparando un piccolo articolo sul mio viaggio di nozze (a gentile richiesta) in Australia. Sono contentissima tu ti sia divertita a Parigi. E' stupenda, anche io ne ho un bellissimo ricordo. Tesoro, bentornata e un abbraccio stretto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciaoooo! hai fatto bene a dirmelo. Non avevo messo foto perchè ne ho fatte alcune del passo passo in una versione leggermente diversa da questa. Provo a metterle comunque, magari aiutano a capire meglio.
      Diciamo che l'intento è creare un "panino" multistrato di frolla bicolore.
      viaggiare è davvero bellissimo...lo scopro tardi...ma almeno lo sto scoprendo ed apprezzando. :-)
      Non vedo l'ora di leggere di te in Australia...un abbraccio!!!!

      Elimina
    2. Ahaahahah ecco, ora è tutto chiaro. Scusami se mi sono permessa ma mi sembra proprio buona per la mia panza e volevo capire se era alla mia portata di realizzazione. Un bacissimo e grazie!

      Elimina
    3. Terry hai fatto benissimo a dirmelo. Io per questioni di tempo avevo omesso le foto, tentando la sola spiegazione a parole. Ma vedere come si fa è sicuramente meglio!!!
      ...penso che la tua panza gradirà. :-) un bacio!!!

      Elimina
  3. una fetta di questa goduria super libidinosa!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, di sicuro è una crostata molto golosa... :-) una fetta è per te! ciao!!!

      Elimina
  4. Che proposta peccaminosa :-P ideale x coccolarsi in questa domenica di relax ^_^
    Sempre bravissima, felice giornata <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le crostate sono sempre dolci ... "confortanti"... sanno di casa e di affetto. mi piacciono tanto! :-)

      Elimina
  5. No vabbè mi vuoi morta! ^_^
    Meravigliosa!
    Domanda, non ho ben capito alla fine qual è la dose di frolla da utilizzare. o_O
    Bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Silvia, scusa il ritardo della risposta.
      La dose utile di frolla è quella indicata alla fine, al montaggio. Però consiglio di prepararne un po' di più (quella indicata nelle due ricette) perchè sennò diventa difficile ricavare disco e strisce, se si lavora con la dose giusta giusta.
      ciao!!!

      Elimina
  6. Nessun problema Ele! Grazie :*

    RispondiElimina
  7. Questa torta meritava di vincere il contest ! Già solo per l'idea della frolla a righe !
    La massa al cioccolato mi attira assai: mi dà l'idea di essere umida e scioglievole...come piace a me. Dai che ci organizziamo per l'esta per un weekendone lungo anche con Terry e ci chiudiamo in cucina. Si salvi chi può ahahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. facciamolo quanto prima Cri!!!
      e tu, sei sempre troppo buona con me. Mi fai sorridere perchè mi dici sempre "meritavi di vincere". :-)))
      la crostata è davvero buona, la massa al cioccolato ricca, intensa, leggermente umida. Pure io che non sono una fanatica del cioccolato,l'ho rifatta più volte. ti abbraccio Amica mia

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Printfriendly