citazione

"Il futuro appartiene a coloro che credono nella bellezza dei propri sogni." (Eleanor Roosevelt)

martedì 1 luglio 2014

CONFETTURA DI ALBICOCCHE. Meraviglioso color arancio sottovetro.


L'arancione per me è un colore irresistibile. Mi piace, mi piace tanto. Caldo, allegro, è il colore della positività, del dinamismo. Un colore che mi dà energia. E poi, è il colore delle mie adorate albicocche!
Non lo so se mi piace l'arancio perchè è il colore delle albicocche.
O se mi piacciono le albicocche perchè sono arancioni.
Che amletico dilemma...

Nel dubbio, catturo entrambi dentro vasi di vetro, per poter ritrovare anche tra qualche mese il gusto dolce aspro dei frutti e tutto il loro squillante colore!

Adoro letteralmente la marmellata di albicocche, o più correttamente, confettura.
Le crostate di albicocche sono una delle cose più buone del mondo! Ve ne avevo mostrata una mesi fa...
E ora, vista la stagione, vi lascio la formidabile confettura che utilizzo per farla.



Le mie marmellate
Come avevo raccontato nel post della confettura di rabarbaro, lo spunto per le mie marmellate arriva da due diverse fonti: il libro "Mes Confitures" di Christine Ferber e il blog di Teonzo (in particolare questo suo esaustivo post).
I passaggi che ho imparato e che ritengo più importanti per mantenere sapore e colore della frutta sono:
- preventiva macerazione di frutta e zucchero
- cottura veloce: fiamma viva, contenitore largo, poca frutta per volta.
Ammiro la varietà e originalità delle confetture proposte dalla Ferber, ma non ne apprezzo la troppa dolcezza. Teo ha ricette, a mio gusto, più equilibrate.
Una nota riguardo la quantità di zucchero: qui ne ho usati 400 g su 1 kg di frutta, ma consiglio di non scendere oltre poichè lo zucchero garantisce la conservabilità della preparazione.

CONFETTURA DI ALBICOCCHE

Riporto la ricetta sulla base di 1 kg di frutta, per facilitare il calcolo delle proporzioni frutta/zucchero.

Ingredienti 
   1000 g albicocche (peso netto, lavate e senza nocciolo)
   400-500 g zucchero (a seconda del proprio gusto)
   succo di 1 limone (circa 40-50 g)
Procedimento
- Lavare le albicocche intere, aprirle e togliere il nocciolo interno
- Tagliarle in quarti o in pezzi più piccoli se si preferisce una marmellata senza pezzettoni
- In un contenitore mescolare albicocche, zucchero e succo di limone
- Coprire e mettere in frigo per una notte (la frutta rilascerà liquido)
- Preparare vasi di vetro lavati e ben asciugati, e tappi integri
- Far cuocere la frutta a fiamma viva in una pentola abbastanza larga e non alta, mescolando e facendo attenzione che non si attacchi e bruci (io per un paio di kg ho cotto 20 minuti scarsi)
- Se si desidera una confettura fluida, frullare il composto con un fullatore ad immersione
- Quando il composto appare addensato e la frutta non del tutto disfatta (oppure quando si raggiungono i 105-106°C), invasettare, chiudere velocemente i tappi, e capovolgere fino a raffreddamento





11 commenti:

  1. Amo le confetture, in particolare quelle chiare: pesche, albicocche tra le mie preferite.
    Mia mamma ne fa tantissime con la frutta dei suoi alberi...e io mi beo dei suoi vasetti per le mie colazioni!
    Quei vasetti di vetro sono un'incredibile risorsa: per crostate, fagottini ripiani, tartellette, fette biscotatte, pane!!!
    E poi, sono bellissimi per fare dei regali :)

    Un bacione Ele, buona giornata! :*****

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche per me sono una grande risorsa, vasetti pieni di preziose bontà.
      poi credo che mi affascini il principio che ne sta alla base, quel sapore antico di cercare di conservare i prodotti di stagione per averli tutto l'anno. Ed è bellissimo come questo atto del conservare riesca a rendere quei prodotti delle vere prelibatezze.

      e la mia marmellata con i pezzi, me la mangio a cucchiaiate!!! bacio grande!

      Elimina
    2. Adoro i pezzi, Ele! da bambina amavo cercare nei barattoli i pezzettoni (mi ricordo in particolare la prugna)
      :)))

      Elimina
  2. che bella,hai ragione,bravissima

    RispondiElimina
  3. Secondo me ti piace l'arancio perché è il colore delle albicocche (la butto lì). Questa marmellata ha un colore splendido, assolutamente invitante
    un caro saluto
    Su

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Su! che piacere vederti qui.
      marmellata buonissima e "arancionissima".. :-) peccato che quando avevo pubblicato la crostata avevo fatto foto pessime, in cui non si capiva questo bel colore.
      un abbraccio!

      Elimina
  4. Mamma mia che faccia meravigliosa che ha la tua confettura! Ha un colore davvero ... vivo! Ecco, vivo mi sembra l'aggettivo più adatto. Brava

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Terry...hai trovato l'aggettivo giusto!!! vivo il colore, vivo il sapore, intensi come quelli della frutta appena colta.
      un caro abbraccio!

      Elimina
  5. mm che voglia... mi fai venire un'acquolina!! e la marmellata di albicocche ancora mi manca..
    pensa che prima di farle da me, le marmellate non mi piacevano nemmeno, ho provato di fragole, pere, fichi, more ma albicocche mi manca proprio... quasi quasi!
    ora ciaccio in questo bel blog
    a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le marmellate fatte in casa sono tutte buone, brava che ne fai tante!
      tra tutte, credo proprio che la mia preferita sia quella di albicocche: consistente, saporita, colorata.
      provala dai, prima che ti scappino le albicocche 2014...
      spero ti piacerà anche il resto del blog!
      ciao!!!!!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Printfriendly